3 borghi da vedere in Bretagna: a prova di selfie

becherel bretagna

Interno di una libreria di Becherel

Dopo l’ultimo post, di carattere culinario, ritorniamo agli itinerari. Pernottando a Dinard, non potrete mancare una visita, anche nello stesso giorno, a 2 borghi unici: Dinan e Becherel.

Dinan e Becherel

Il primo, Dinan (da non confondere con la stessa Dinard), si caratterizza per il suo aspetto medievale, perfettamente conservato nelle struttura delle case a graticcio e dei suoi vicoli. Insuperabile e fiabesca, infine, l’atmosfera che si respira a Dinan bassa, sul fiume. La bellezza delle sue case variopinte, delle barche su fiume e del paesaggio circostante obbligano ad una sosta.

Dinan Bretagna

Uno scorcio di Dinan bassa

Becherel, il paese dei libri, conta una libreria ogni 10 passi, più o meno.   Librerie antiche e moderne, storiche e recenti, per bambini e per grandi, per collezionisti e appassionati, e per il popolino. Tutti (ma proprio tutti) qui possono trovare il proprio spazio e sentirsi coinvolti in prima persona grazie alla presenza di un libro. Senza parlare dei fogli illustrati, vintage o moderni, che adornano le vetrine di codeste librerie. Insomma, visitare Becherel può destare una sorta di panico da eccesso di stimoli, lo ammettiamo. Però venire in Bretagna e non visitarla può mettere malumore e un certo senso di insoddisfazione. Un’unica avvertenza: se volete godere di questo fantasmagorico borgo, evitate le domeniche e i pomeriggi nell’ora della siesta, o troverete semplicemente un borgo-fantasma e basta.

becherel bretagna

Una libreria di Becherel

becherel bretagna

Un’altra libreria di Becherel

Locronan

Spostandosi verso Ovest, verso Finistere, tappa d’obbligo è Locronan. Locronan non si può descrivere a parole: arrivi, lasci l’auto al solito parcheggio obbligato, ti avvii a piedi in direzione del piccolo centro, 10-11 casette a graticcio, 2-3 boulangerie vecchio stampo, 4-5 negozietti-trappola per turisti e fine. Questa è senz’altro Locronan, ma potrebbe essere un qualsiasi altro borgo ben conservato, in Francia ma non solo.

No, Locronan sarà anche spietatamente turistica, di quelle che di giorno è un carnaio di corpi e zainetti e di sera è vuota, ma è davvero speciale. Piccola, graziosa, garbata e quietamente raccolta attorno alla sua piazzetta (dove si trovano creperie d’eccellenza), Locronan ti avvolge con la sua atmosfera spudoratamente bretone e ti offre il miglior sfondo da cartolina che tu possa desiderare.

Locronan bretagna

Una boulangerie di Locronan

Desideri farti un selfie folcloristico per far capire ai tuoi xK contatti che sei stato in Bretagna (contatti che ovviamente anelano a questa informazione)? Vieni a Locronan e fatti un selfie con una casa a caso dietro. Dove prendi prendi, ma prenderai bene. Se poi cerchi di prendere anche una palla di ortensia blu, che volendo potrebbe abbinarsi bene a una persiana della stessa tonalità, allora è proprio il massimo a cui tu possa aspirare.

Insomma, se appartieni alla genìa di quelli che si selfano di fronte agli sfondi totemici di una destinazione di viaggio, per la Bretagna prendi in considerazione Locronan, oltre all’immancabile faro a strisce. Se invece non ami selfarti, ma desideri comunque vedere una Bretagna addomesticata e tipica al tempo stesso, allora vieni a Locronan e dormici pure. Noi l’abbiamo fatto, nelle vicinanze. Dove? Lo vedremo nel prossimo post.