Berna in 3 giorni: come muoversi

est-2015Noi amiamo Berna spassionatamente. Non è che abbia nulla di strabiliante da visitare (proprio come dicevamo di Miami qui), ma è una città affascinante nel suo insieme, così com’è, piena di portici medievali, un po’ Udine e un po’ Bologna, un po’ Berna e basta. La nostra fissa? Sono i suoi tetti, fiabeschi, magici, usciti da un libro di illustrazioni (d’inverno, con i camini fumanti… Beh, un sogno). Cliccate sul link che trovate qui!

berna

A Berna, sita nel Cantone omonimo in Svizzera, dopo 3 volte non abbiamo ancora capito che lingua si parli: un po’ francese, un po’ tedesco, un po’ franc-esco. Quando sei convinta che stiano parlando francese, ecco che spunta una parola tedesca; quando sei convinta che parlino tedesco, ecco una parola francese. Comunque non c’è da preoccuparsi: in qualche modo ci si riesce sempre a far capire.

12341164_966631443419970_2061688505035363382_n

Berna in 3 giorni: cosa vedere

3 giorni sono sufficienti per vedere Berna dignitosamente. Ecco un breve elenco delle attrazioni imperdibili:

  • Centro Paul Klee (progettato da Renzo Piano)
  • Museo delle Belle Arti di Berna
  • Museo di Storia di Berna e Museo Einstein
  • Casa-museo di Albert Einstein

Un giro per il centro è ovviamente doveroso, senza mancare queste imprescindibili soste:

  • Torre dell’orologio, Zytglogge (che servì ad Einstein ad elaborare la sua teoria della relatività)
  • Cattedrale
  • Fossa degli orsi
  • Palazzo del Parlamento
  • Kramgasse con le sue fontane
  • I negozi e le botteghe degli artigiani
  • Erlacherhof (sede del governo svizzero e della Confederazione Elvetica)

12360092_967061846710263_847645200956430556_n 12313972_967058640043917_907530781124358651_n

Dove dormire

Nessun dubbio: Am Pavillon b&b!

Provato per voi e super approvato. Bello, charmante, non caro (per i parametri svizzeri…), attaccato ai binari della ferrovia, ma tranquillissimo! Insomma: meglio di così non si può.

Ciliegina sulla torta: il simpatico proprietario dell’Am Papillon, al momento del check-in, vi regalerà il pass per muoversi a Berna con i mezzi (tram, bus, ecc.) gratuitamente. Meglio di così!

12376808_967657596650688_605913652783894352_n 12345625_967656456650802_7381200980711986553_n 12348124_967656843317430_3646051032527086716_n

Come arrivare e muoversi

Il modo più comodo per chi arriva dall’Italia è il treno da Milano (linea per Basilea); il più suggestivo è in auto, arrivando dalla discesa che passa dal Paul Klee Zentrum (la vista della città dall’alto è indescrivibile).

A Berna ci si sposta facilmente a piedi, o, all’occorrenza con il tram o bus. Ma vi garantiamo che, a meno che non abbiate particolari problemi, a piedi si gira benissimo.

Berna: dove mangiare

Vicino all’Am Papillon, c’è un posto stupendo, che fa ottime crepes, insalate, ha buoni prezzi e gente simpatica: Le Carrousel (sabato sera da prenotare!)

12311188_966475653435549_8009637261281051025_n 12373325_966644760085305_7759526718833541251_n

Al prossimo post!