Dante, Ravenna e le Sorelle Longo

image

Le Sorelle Longo (Angela a destra, Alberta al centro) insieme alla brava collaboratrice Stefania (a sinistra)

A noi la libreria cartoleria Dante piace. Un bel Mi Piace. Sonoro e sincero. Ma attenzione: non siamo molto originali. Perché la libreria cartoleria Dante piace a chiunque vi metta piede, qui a Ravenna.

E nessun percorso turistico dantesco potrebbe dirsi completo senza entrarvi. Ricordatelo sempre, voi che portate i turisti a spasso per la nostra città.

La cartoleria Dante è una cartoleria

Alzi la mano chi non sente la nostalgia della cartoleria, di quelle di una volta. Di quelle in cui entri per comprare semplicemente un quaderno e magari una matita con la gomma in cima. E non: le pentole, il detersivo, due maglioni, un pigiama, quattro pomodori e un quaderno.

Sì, perché oggi: dove si comprano le cose di scuola? Nei supermercati, nelle grandi catene.

Ma a noi che amiamo ancora la cartoleria, il profumo dei quaderni, del legno delle matite, della carta da regalo di quella che te la scegli a fogli, le macchinine in latta con le molle e i temperini venduti sfusi nei barattoli, a noi la libreria cartoleria Dante non può che creare dipendenza.

Dante e le Sorelle Longo

Angela e Alberta, da tutti conosciute come Le Sorelle Longo, a Ravenna sono un brand. Ma loro non lo sanno (ssshhh). E il loro brand spopola soprattutto tra i bambini. Proprietarie della libreria, la gestiscono, insieme alla brava Stefania, come nessun altro saprebbe fare: i bambini li richiamano a frotte, tipo pifferaio di Hamelin, grazie alla loro simpatia, alla loro capacità di accogliere (entrare qui è come entrare a casa) e alla loro disponibilità verso l’iniziativa Nati per Leggere (Ricordate gli appuntamenti che vi segnalavamo in questo post?)

Dante e i Nati per Leggere

In certi martedì pomeriggio, la Libreria Dante diventa un parcheggio per passeggini: chi entra e non sa, rimane forse un po’ spaesato, nel vedere così tanti quattro ruote tutti insieme, così tante torte (bio) sul bancone di fianco alla cassa pronte per il momento della merenda, così tanti cappotti ammassati alla carlona dai legittimi proprietari e tante testoline in fondo alla sala con il naso all’insù, che seguono il bravo Nicolò Bertaccini, Mastro Lettore dei Nati per Leggere alla libreria Dante (nonché fornitore ufficiale delle torte di cui sopra, di NaturaSì). Insomma, il gruppo del martedì alla Dante è così ben assortito che ti fa sentire in famiglia, e quasi quasi li inviteresti tutti a casa tua al prossimo pranzo di Natale.

Il martedì pomeriggio alla cartoleria Dante, con i Nati per Leggere è insomma un bel caos: bambini che ascoltano, bambini che guardano, bambini che mangiano, bambini che consultano libri, bambini che parlano, bambini che piagnucolano, bambini che recitano filastrocche, bambini seduti per terra a leggere, bambinibambinibambini.

dante

Uno scatto rubato, durante i Nati per Leggere

 

La cosa straordinaria è che chi entra ed è over-5 non imparentato con un under-5 non rimane in realtà disturbato da questa situazione: al contrario, non può che fermarsi ad ammirare la grazia, la gentilezza, la naturalezza e la dolcezza con cui Angela, Alberta e Stefania riescono a destreggiarsi tra libri, scontrini e bambini, senza mai perdere il sorriso (sincero) e la professionalità. Tutte doti d’altri tempi, sempre più rare, che noi proponiamo qui da aggiungersi al patrimonio immateriale dell’UNESCO. La libreria Dante delle Sorelle Longo, insomma, è un’enclave che racchiude la genuina passione libraria unita all’altrettanto genuina nobile grazia della Ravenna trascorsa, quella che più ci manca, che spasmodicamente ovunque cerchiamo e sempre cercheremo.

Al prossimo post!

(Se ti sei perso il post sugli appuntamenti autunnali, lo trovi qui)