Fast-food Bio in Belgio: da EXKI

BelgioPianificando il nostro viaggio in Belgio, ci siamo preoccupati di ogni dettaglio, dalla scelta di attraversarlo in treno (grazie al Railpass di cui riparleremo presto), ai posti in cui dormire, di cui in parte abbiamo già parlato qui e qui, e di cui scriveremo ancora. Non avevamo però pensato, come è naturale, a dove avremmo potuto mangiare con una bambina di poco più di un anno (la seconda era ancora nella pancia, da quasi 6 mesi), in piena crisi adolescenziale in età infantile. Chi ne ha almeno uno, sa di cosa sto parlando.

Una piccola, ma utile, scoperta

Il problema era trovare un posto che offrisse la possibilità di dare da mangiare pappe fresche o simili, senza troppi intingoli, senza conservanti, sale aggiunto, eccetera. Ebbene, in Belgio noi abbiamo trovato la soluzione ai nostri problemi: EXKI. Si tratta di una catena di “ristoranti”, chiamiamoli così, che offrono variegate soluzioni Bio. In realtà siamo sempre sintonizzati sul fast-food, stile Pret-a-Manger (vi ricordate il mio post londinese, qui?): EXKI è self service con possibilità di servizio caffè per le bevande calde. Che cosa si mangia? Dalle zuppe calde, ai primi, ai secondi e contorni, alla zona fredda: tramezzini, cous-cous, insalate, pasta condita, secondi in stile marocchino (pollo con uvetta, ecc.) e tanto tanto altro, anche con menù di giornata. E se volete scaldare qualcosa? C’è il microonde.

EXKI belgio

EXKi Logo http://www.exki.com

Insomma, per chi ha bambini piccoli è perfetto. I bagni hanno fasciatoi e alcuni punti EXKI hanno addirittura una zona-gioco per piccolissimi.

Di EXKI in Belgio ne troverete in ogni dove: è infatti una catena belga, con sede a Bruxelles. Ma, sottolineiamo, non si tratta di un luogo perfetto solo per chi ha bambini piccoli: è infatti adatto a tutti, anche a chi deve lavorare al computer con Internet (ottima la copertura Wi-Fi), ad esempio.

Data la qualità della sua offerta, EXKI si è espanso rapidamente ed oggi conta almeno ottanta ristoranti: non si trova infatti più solo in Belgio, ma anche in Francia, Italia (Torino e Milano), Lussemburgo, Olanda, Stati Uniti.