I giardini del Lussemburgo: errare humanum est

Una cartolina da Saint Sulpice

ERRANDO IN ZONA LUSSEMBURGO. Avevamo introdotto il discorso sul mio soggiorno parigino in solitaria a partire da questo post; se ve lo siete perso vi consigliamo di leggerlo, per capire come arrivarci, a Parigi, tanto per cominciare.  Siamo stati nella capitale francese diverse volte e ancora non la conosciamo abbastanza; questo vale senz’altro per tutte le città grandi, grandissime, ma non solo. C’è però una scoperta che abbiamo fatto da pochi anni e che, anche in questo mio ultimo giro si è confermata ancora una volta: la zona dei giardini del Lussemburgo.

In quest’area, mi sento di includere (a titolo molto personale): i giardini stessi, la Sorbonne-Pantheon, Odeon, Saint German des Pres, Saint Sulpice, boulevard Saint Michel e giù di lì, insomma.

sorbonne

Il mio giro esplorativo del quartiere inizia con la colazione in Place de la Sorbonne

 

giardini lussemburgoI giardini del Lussemburgo ci hanno incantato per quella loro atmosfera retrò, che, sì, è un po’ la caratteristica di Parigi tutta, ma che a nostro modesto avviso acquista un valore aggiunto quando si tratta di aree verdi. Nulla di più bello che entrare in questo Eden che è un po’ ieri ed un po’ domani, con quei bambini che spingono le barchette con i bastoni e fanno regate in miniatura; con quel chiosco musicale di fine Ottocento; con quella vista del grattacielo di Montparnasse  e della punta della Tour Eiffel sullo sfondo; con quelle orchestre che suonano swing e musica contemporanea.

giardini lussemburgo

Vista di Montparnasse dai giardini del Lussemburgo

giardini lussemburgo

Piccole regate

 

I giardini del Lussemburgo sono piante esotiche e fiori variopinti, sono istituzione (il Senato) e svago quotidiano; sono grigio della pietra e cromie vegetali e tessili (le vele delle piccole barche le ricorderete a lungo). Il momento più suggestivo? Il sabato, tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio, nella mezza stagione: sedetevi al Pavillon a mangiare qualcosa, ascoltando l’orchestra jazz che suona sotto al padiglione. Non vorrete alzarvi più.

giardini lussemburgo

Il palazzo del Senato

giardini lussemburgo

Il palazzo del Senato

giardini lussemburgo

L’orchestra del Padiglione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma, se proprio intendete sgranchirvi le gambe, allora avviatevi in direzione Odeon (non prima di aver dato un’occhiata a qualche eventuale mostra del Musee du Luxembourg), Mercato di Saint Germain, Saint Sulpice, chiesa di Saint Germain e zona della Rue de Seine.

Mur Le Bateau Ivre Rimbaud

Mur Le Bateau Ivre Rimbaud

Un percorso dei sensi: dai profumi dei mercati, a quello della polvere dei vecchi libri, al suono delle voci, al brusio di sottofondo e al brulicare della vita dietro ogni angolo, ad ogni porta, ogni vetrina, ogni piccolo giardino interno; negozi, negozietti, bistrò, creperies, vintage, lusso, polvere, nuovo, cioccolaterie, charme, abiti, moda, libri, antiquari, caffè, gallerie d’arte, design, librerie. Tutto questo è qui.

giardini lussemburgo

Una delle tante librerie della zona

giardini lussemburgo

Uno dei tanti negozi di giocattoli tradizionali

 

E noi ogni volta ci perdiamo in questi vicoli e boulevards della Rive Gauche. La versione charmante del Quartiere Latino, il suo lato più maturo, più radical chic, più borghese, più autenticamente snob, forse.

Verso sera potrete cenare nella meravigliosa Place de la Sorbonne, perfetta anche se avete bambini al seguito, perché zona pedonale. Universitaria, filosofica e gastronomica, questa piazza non vi deluderà.

12095050_479636078890614_84831190043927379_o

Da non perdere

Musei e chiese da non perdere in questa zona (in ordine alfabetico, non di rilevanza):

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al prossimo post!

Costanza