Lago di Carezza, dormire all’Hotel Stern

stern carezza

Hotel Stern interno

Dove dormire se decidete di trascorrere alcuni giorni al Lago di Carezza? Noi vi consigliamo questo posto, a Nova Levante: si tratta dell’Hotel Stern, un raffinato albergo con zona wellness-spa che coniuga la tradizione alpina con il design attuale.

L’hotel nacque nel 1946, fondato da Johann Geiger; ora quella che era una vecchia locanda è stata trasformata in hotel stellato (3), gestito dalle gentili nipoti del fondatore. Gli interni sono arredati con un gusto eccezionale, curati dettaglio per dettaglio, dove nulla è fuori posto. Un restyling progressivo e costante, che procede pezzettino per pezzettino, anno dopo anno. Ogni anno viene rinnovato qualcosa. E i risultati si vedono.

Hotel Stern interno

Hotel Stern interno

Hotel Stern interno

Hotel Stern interno

All’interno dell’hotel, numerose opere e riproduzioni dell’artista austriaco Paul Flora, la cui produzione è curata dalla Galerie Seywald  di Salisburgo: noi ce ne siamo innamorati e ci procureremo almeno il catalogo quanto prima.

Illustrazione di Paul Flora

Illustrazione di Paul Flora

La zona giorno si articola in zona ristorante, zona bar/caffè  e zona lettura. Tutte e tre luminosissime: di giorno godrete di magnifici scorci sul Catenaccio e sul Latemar; la cucina è davvero ottima e noi vi consigliamo, per il rapporto qualità-prezzo, la mezza pensione.

stern carezza

Hotel Stern interno

stern carezza

Hotel Stern interno

 

L’area wellness è luminosa, pulita, arredata con molto gusto a sua volta e comprende una bella piscina con parete vetrata, l’area del bagno turco e saune e la zona relax. In camera gli ospiti troveranno la borsa con l’occorrente per accedervi.

L’hotel dispone di un parcheggio gratuito e molto comodo anche per chi ha sci da scaricare.

stern carezza

Hotel Stern interno

Hotel molto adatto anche a famiglie con bambini piccoli (pernottamento gratuito in stanze molto luminose e spaziose).

Che cosa aspettate a prenotare? Noi l’abbiamo già provato e ora attendiamo le ferie estive 😉

 Photos credits Costanza Fabbri

 

 

Rispondi