Turisti per casa: Ravenna e noi

ravennaTURISTI PER CASA. Era ora che decidessimo di partire per questa destinazione: Ravenna, casa nostra. Lo abbiamo già fatto, ma non proprio così. Sì, perché accade spesso che quello che più abbiamo sotto al naso sia quello che meno conosciamo. Ci vergogniamo ad ammettere in pubblico che quel famoso monumento, in cui ogni turista ha messo il naso, noi in realtà non l’abbiamo mai visitato. Il perché è presto detto, ed è una trappola: perché tanto è sempre lì e posso vederlo quando voglio. Cioè mai.

Casa sconosciuta

E vogliamo parlare di quella mostra allestita proprio oltre la strada, a qualche centinaio di passi da casa nostra? Eh, tanto ho mesi e mesi per vederla. E intanto arrivano da ogni dove e ti chiedono: e tu l’hai vista, che ce l’hai proprio sotto la porta? Eh, no, non ho ancora avuto tempo, ma vado sai, tanto è sempre lì, e prima che finisca faccio tempo a vederla tre volte.

E fu così che la mostra finì e gli abitanti del quartiere non seppero neppure di che cosa parlava, esattamente.

Turisti per casa

Ecco, per tutti questi motivi, noi questa settimana vi parleremo di Ravenna. Casa nostra. Noi a casa nostra non abbiamo mai fatto un sacco di cose. Non abbiamo mai preso un bus, un taxi, non abbiamo mai dormito in un hotel, in un bb. Di quello che solitamente fanno i turisti, possiamo dire di avere visto qualche monumento e museo (in realtà tutti, dai), di avere mangiato fuori, di avere girato per i suoi negozi.

Una volta un’amica mi chiese un consiglio su dove far dormire una sua amica americana in visita a Ravenna: domanda sbagliatissima! Mai fare tal domanda agli abitanti. Io le diedi un indirizzo, dicendole che, essendo la mia città e non avendo mai dormito fuori, potevo darle solo un nome che conoscevo. Questa amica mi telefonò, dicendomi che il posto non si era rivelato all’altezza delle aspettative. Eh, d’altronde, non avendolo provato, come avremmo potuto sapere?

Allora chissà che questa rubrica, TURISTI PER CASA, non torni utile a qualcuno interessato a scoprire la nostra città, oltre che a noi in primis, divertendoci a fare i turisti a casa nostra e a scoprirne i lati che abbiamo sempre dato per scontati.

Al prossimo post!