Villeggiare è il mio peccato: Sorrentino e la villeggiatura 2.0

fattori bagni planerei villeggiatura

G. Fattori, La rotonda dei Bagni Palmieri, 1866 (olio su tavola). Firenze, Galleria d’Arte Moderna

Come disse Forrest Gump: “sono un po’ stanchino”. E in quel momento si fermò.

Ecco, quest’anno stiamo iniziando a pensare a una cosa che non facciamo dal 1998: la villeggiatura. Una vacanza stanziale e retrò, almeno una settimana fermi nello stesso posto, una vacanza tipo Miss Marple in qualche posto nel mondo, dove annuisci a mo’ di saluto al tuo vicino di tavolo e dove ad ogni pasto ti portano la bottiglia dell’acqua che hai iniziato in quello precedente; in cui leggi un libro in una poltrona di vimini e ascolti le chiacchiere delle vecchie zitelle alla Agatha Christie, sedute nella poltrona di fianco, intente a fare la maglia o ricamare.

Agatha Christie, che pur scrisse l’autobiografico Viaggiare è il mio peccato, dopotutto era una da villeggiatura.

La villeggiatura è un viaggio immobile, in cui dal punto A arrivi al punto A, passando per il punto A e ritornando al punto A. Se proprio ti impegni, puoi compiere un’escursione di mezza giornata. Uno di quei viaggi in cui ti viene voglia di scrivere un racconto sugli ospiti dell’albergo, che ormai conosci in quanto tali, ma di cui ignori le vite e le storie. Uno di quei viaggi in cui saluti i camerieri, che a loro volta sanno che il caffè lo preferisci americano, ma solo per colazione e alle ore 17.

La villeggiatura dall’aura “termale-letteraria-culturale”, in una località tipo Marienbad o Bath o Baden-Baden o Travemunde o Ischia o la stessa Elba, o qualsiasi altra cosa. O in quel bel posto montano che si vede nell’ultimo film di Paolo Sorrentino (che, dopo una rapida ricerca, abbiamo scoperto essere questo).

Marienbad http://commons.wikimedia.org/wiki/File:1186_R_Marienbad_2.jpg

Marienbad in una foto del 1890

La villeggiatura fin-de-siècle costa forse un po’ di più, ma a volte si possono trovare offerte sul lungo soggiorno, dopotutto.

Studieremo villeggiature possibili, alla nostra portata.

Al prossimo post!